sabato 9 marzo 2013

Monologo di dialoghi

È un po' che non scrivo. Non sento in questo periodo lo stimolo a comunicare. Eppure in testa è un monologo continuo di dialoghi. Monologo di dialoghi, per quanto assurdo sempre di monologo si tratta, ma anche di dialoghi, immaginari. Dialoghi che sento che non si svolgerebbero mai nella realtà, perché nella realtà le persone a cui mi immagino di rivolgermi non rimarrebbero ad ascoltare, non interagirebbero e non sosterrebbero la discussione.

Non sono un introverso. Passo la giornata a parlare, e trovo anche il tempo per i miei monologhi. I clienti, i capi, i colleghi, non potrei lavorare in silenzio, e alla macchina del caffé, alla mensa, lungo i tragitti nei corridoi, mai in silenzio.

Nei miei monologhi interiori si allestisce la scena drammatica in cui le mie parole vengono intese, o meglio, le mie intenzioni vengono intese, e a differenza che nella realtà attraggono sempre l'attenzione dell'interlocutore. In un litigio amoroso, in un corteggiamento, la scena madre è quando vengono dette le parole che sciolgono l'amore dell'altro, no?

Ecco, non scrivo molto, perché non sento nelle mie parole reali la stessa forza di quelle nei miei monologhi.

7 commenti:

  1. Già, è per questo che spesso preferisco tacere col mio blog.
    bel posto, saluti

    RispondiElimina
  2. Capita anche a me molte volte.. Penso penso penso e rifletto.. e quando mi trovo davanti al pc o davanti al foglio.. ecco che mi blocco! Non riesco a trasformare quei monologhi in un flusso di pensieri cartacei oppure in un post. Questo mi ha frenato a lungo nella creazione di un blog.
    Un abbraccio
    Manuela

    http://pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
  3. Capita anche a me di fare questi "monologhi di dialoghi" come li chiami tu (geniale!) E sono sempre molto più efficace che non nei dialoghi veri, purtroppo. Ma anche i post che scrivo mentalmente sono migliori di quelli pubblicati. Tu continua a scrivere, però! Ciao, piacere di averti incontrato.

    RispondiElimina
  4. sai cosa? capisco quando affermi che lo scritto non dà il giusto accento al pensiero: ma si fa.

    RispondiElimina
  5. Devono essere grandiosi, quei monologhi. A giudicare da come scrivi, se quello che non scrivi è ancora meglio...sarebbe bello leggerlo.

    A. (cognizionedeldolore.blogspot.com)

    RispondiElimina
  6. c’è una sorpresa per te
    http://deseario.blogspot.it/2013/04/il-mio-primo-blogpremio.html

    RispondiElimina
  7. un piacere passare di qui, a presto!

    RispondiElimina